under construction

"Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale, definizione spesso abbreviata dall'acronimo DPI, i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che l'indossi o comunque li porti con sè, da rischi per la salute e la sicurezza, sia in ambito domestico, sia in ambito sportivo, sia in ambito ricreativo e, ovviamente, in campo lavorativo." [D.Lgs. 475/92]

Il Decreto Legislativo n. 81/2008, Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro, stabilisce che i DPI utilizzati in ambito lavorativo devono sottostare alle disposizioni indicate dal Decreto Legislativo 475/92 e li definisce come qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonchè ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo (art. 74, comma 1 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81).

Come previsto dalla normativa, sono attualmente attivi i controlli per l'osservanza dell'obbligo di revisione periodica annuale dei Dispositivi di Protezione Individuale.

La revisione dei DPI rappresenta il dovere da parte del datore di lavoro di garantire la sicurezza dei propri dipendenti. Non è solo necessaria a evitare costose sanzioni, ma costituisce l'opportunità di valutare lo stato delle attrezzature, accertarne il funzionamento e verificare l'eventuale danneggiamento o usura.

Un'attrezzatura costantemente revisionata e perfettamente funzionante è in grado di proteggere il lavoratore dal rischio di caduta e di minimizzare i rischi di infortunio.

Tale verifica deve essere condotta da persona esperta e competente in base alla definizione prevista della norma tecnica.

Lo stesso obbligo viene esteso ai Dispositivi (imbracature, pulegge, moschettoni..) utilizzati nei parchi acrobatici.

Ogni DPI anticaduta ha una durata massima, che è stabilita dal costruttore. Indicativamente la durata dei DPI anticaduta è tra i 5 anni per i prodotti tessili o plastici e i 10 anni, a partire dalla data di produzione riportata sulle etichette di ogni singolo prodotto. Alcune aziende considerano una durata "illimitata" per i DPI completamente metallici. La durata di vita massima è da considerarsi valida solo “se i DPI sono utilizzati e conservati correttamente“ come indicato sui libretti di uso e manutenzione. Non si deve confondere la "durata di vita" con la "garanzia", normalmente di almeno due o tre anni.

Il controllo pre-uso è un compito dell'operatore che prende in consegna i DPI ed è obbligatoria oltre che dettata dal buon senso. La revisione annuale invece è a carico del datore di lavoro ed è prevista dalla norma EN 365 (Punto 4.4 comma B-C). Qualsiasi DPI anticaduta che non sia stato controllato da più di 12 mesi, deve essere messo "fuori servizio": esso dovrà essere controllato da persona competente che ne autorizzerà per iscritto la rimessa in servizio.

Questa scheda è presente nel manuale “Istruzioni per l’uso e la manutenzione”di ogni singolo D.P.I. ed è cura dell’utilizzatore la compilazione. Leggere sempre il libretto di uso e manutenzione dove sono presenti tutte le indicazioni e i limiti di utilizzo. Il datore di lavoro è libero di creare un supporto aziendale specifico per la gestione e amministrazione dei DPI, anche informazizzato.

In collaborazione con: